Lettura in < 1 minuto

I bus entrati in servizio in questi giorni, al contrario degli annunci propagandistici che troppo spesso abbiamo ascoltato, verranno impiegati anche – e non solo – in periferia. Tuttavia, buona parte delle aree più esterne della città  trarrà un beneficio marginale o non trarrà alcun beneficio dall’arrivo di queste nuove vetture. Il motivo è molto semplice: in primo luogo i nuovi bus andranno a compensare progressive rottamazioni, ragione per cui il numero di vetture a disposizione rimarrà pressoché stabile o comunque non subirà alcun incremento considerevole, in secondo luogo perché buona parte delle linee periferiche è affidato, con una qualità del servizio che lascia a desiderare, a Roma tpl (gestore privato) e non ad atac.

Lo dichiarano in una nota Daniele Gattanella e Lamberto Iacobelli referenti della Destra Sociale in FdI

© Riproduzione riservata
Seguimi su facebook