Lettura in 2 minuti

Largo Beltramelli, un angolo di città ubicato tra la Stazione e la via Tiburtina, dove sovente la movida notturna, fatta di schiamazzi e leggerezza di gioventù accentuata forse da qualche bicchiere di troppo, mal si integra con la vita di quartiere e con la quiete che dovrebbe conciliare il sonno di ogni lavoratore chiamato a svegliarsi per produrre il necessario al sostentamento della propria famiglia.

Intendiamoci, i giovani sono vita, bellezza, futuro ma a volte sono anche eccesso. Ecco, l’eccesso si traduce spesso in maleducazione e mancanza di rispetto che può sfociare nella riduzione del diritto altrui nei casi migliori, nella compromissione degli equilibri psico fisici nei casi peggiori. E allora non è difficile comprendere come gli abitanti del quartiere siano arrivati all’esasperazione. Immaginate di avere sotto casa gruppi di giovani che fanno baldoria senza pensare che proprio li, a pochi metri, dietro una delle tante finestre che affacciano sulla piazza, un residente qualsiasi sta provando a dormire perché il giorno dopo dovrà svegliarsi all’alba. E provate a immaginare che questa situazione si ripeta ancora – e ancora – e magari condiamo il tutto con musica ad alto volume e, perché no, con qualche bella sgasata al motore, qualche bestemmia urlata di fronte alla Parrocchia del quartiere e, infine, per chiudere la serata, aggiungiamo anche qualche accesa discussione.

I cittadini, in fin dei conti, chiedono solo il rispetto delle regole che la società civile si è data. Basterebbe un minimo di buonsenso in più anche da parte di qualche esercente di zona e una maggiore presenza da parte della pubblica autorità.
Per tale ragione il nostro appello è rivolto al buonsenso e alle istituzioni locali affinché si attivino con le forze di pubblica sicurezza per garantire una maggior controllo dell’area nelle ore notturne.

Lo dichiarano in una nota i responsabili della Destra Sociale in Fratelli d’Italia Daniele Gattanella e Alfio di Marco.

© Riproduzione riservata
Seguimi su facebook